All Posts tagged Disabilità

Disabil@bile 2015. Nasce il Tavolo delle Associazioni per la tutela della disabilità

Disabil@bile 2015. Nasce il Tavolo delle Associazioni per la tutela della disabilità

Il mondo della associazioni della disabilità ha avviato un percorso programmatico di azioni per promuovere con maggiore forza provvedimenti di tutela della disabilità.
E’ questo il risultato più importante della manifestazione “Disabil@bile 2015. Meeting Forum su inclusione sociale ed empowerment del cittadino disabile. Modelli organizzativi e nuove tecnologie”, promossa da e-Sanit@ Rivista del Management dell’e-Healthcare, in collaborazione con CEFPAS, Cittadinanzattiva, UIC, Assortopedia, AIFi Sicilia, AITO, Salus Festival, ANFFAS e Forum del Terzo Settore Sicilia, e che si è conclusa il 16 di ottobre.
Disabil@bile 2015, che ha visto la partecipazione oltre 150 convegnisti, tra specialisti sanitari, manager delle aziende sanitarie, operatori socio-sanitari, professionisti sanitari e rappresentanti delle associazioni della disabilità, è stato anche l’incubatore di una nuova proposta editoriale, la testata, SudSanità, Rivista della fragilità e della solidarietà sociale, che vedrà la luce nella primavera del prossimo anno.
Già fissato il nuovo appuntamento di Disabil@bile 2016, a Napoli per il mese di settembre.

More

Mario Barbuto: UIC e Disabil@bile 2015

Mario Barbuto: UIC e Disabil@bile 2015

Stabilire un dialogo continuativo con le istituzioni per favorire efficienza e selettività dell’impegno finanziario, alla ricerca di soluzioni rispettose delle prerogative personali e di categoria della propria disabilità: secondo Mario Barbuto, presidente dell’UIC (Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti), è questa la strada da perseguire per realizzare un modello efficiente per l’empowerment della persona disabile.

Disabil@bile 2015 vuole essere un’occasione di riflessione e di discussione. Cosa ha spinto l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, di cui lei è presidente, a partecipare alla manifestazione come promotrice nonché patrocinio? 

«Ogni luogo dove si trattano tematiche inerenti la disabilità rappresenta per noi un luogo privilegiato nel quale far sentire la nostra voce e portare la nostra testimonianza. Nel caso di Disabil@bile, poi, data la platea e le partecipazioni scientifiche, tecniche e istituzionali, l’occasione ci è parsa troppo importante per restarne assenti. Onore al merito degli organizzatori!»

Quale obiettivo intende realizzare l’UIC attraverso Disabil@bile 2015?

«Portare all’attenzione dei tecnici e delle istituzioni le problematiche di inclusione che riguardano i ciechi e gli ipovedenti italiani, alla ricerca di sinergie e azioni comuni che contribuiscano in concreto a migliorarne le condizioni di esistenza, a favorirne la formazione, a promuoverne l’inserimento nel mondo del lavoro.»

Quanto è stato fatto e quanto, in verità, bisogna ancora fare dal punto di vista istituzionale, sanitario e assistenziale, grazie anche all’ausilio delle nuove tecnologie, affinché possa attuarsi un efficiente piano continuativo per l’empowerment e l’inclusione sociale della persona disabile?

«E ‘ stato fatto tanto, ma molto occorre ancora fare, naturalmente. La nostra Unione esiste da novantacinque anni ed è riuscita ad offrire alla maggior parte di loro una prospettiva di istruzione, di formazione professionale, di inclusione lavorativa, proponendo una possibilità di vita indipendente, da cittadini uguali agli altri cittadini, sia pure partendo da condizioni di enorme svantaggio dovute alla cecità.

«Oggi con le istituzioni occorre stabilire un dialogo continuativo per favorire efficienza e selettività dell’impegno finanziario, alla ricerca di soluzioni rispettose delle prerogative personali e di categoria della propria disabilità. Alle istituzioni dunque chiediamo innanzitutto attenzione e interlocuzione, per trovare tutti insieme le strade nuove che ci sono oggi imposte dall’evoluzione tecnologica e sociale alla quale assistiamo nel ventunesimo secolo.»

More

“Ciatu”: Disabil@bile 2015 va a teatro

“Ciatu”: Disabil@bile 2015 va a teatro

All’interno della cornice di Disabil@bile e del Salus Festival, il giorno 15 ottobre, presso il Teatro Margherita (Caltanissetta), dalle ore 20.00, la compagnia Néon ha deciso di proporre una versione ad hoc dello spettacolo Ciatu (Respiro), realizzato grazie alla regia di Monica Felloni e alla interpretazione di attori, molti dei quali disabili.

Ciatu è il succedersi di azioni teatrali intrise di canto, poesia, immagini, musica e danza. Una sequenza orchestrata di corpi, parole, respiri che, intrecciandosi e amalgamandosi, rendono merito e onore all’umanità che vive tutti i giorni in tensione d’amore.

La versione di Ciatu proposta è vera e propria “azione” che partecipa alla discussione e alle altre azioni che propongono una generale riflessione sulla SALUTE. Il contributo di Néon vuole essere vivo e pertinente; non una esibizione di capacità “nascoste” e rivelate, bensì un’occasione di riconoscersi tutti strumenti e cantanti intonati della vita.

In Ciatu si allestisce una scena-mondo affidata alla peculiare diversità di ogni attore coinvolto. La differenza diviene la tela sulla quale arte e natura si iscrivono per generare la bellezza di ogni forma dell’essere vita. In Ciatu tutto è normale e speciale al tempo stesso: gli attori, il pubblico e il Teatro sono un tutt’uno, un unico corpo che inspira la vita, occhi negli occhi, fiato nel fiato e l’azione del palco si riverbera sulla platea, senza distanze o interruzioni, formando un reticolo di respiri vivi.

Nucleo narrativo è la vita e il pensiero di Giordano Bruno e lo spettacolo attraversa, una visione dietro l’altra, un quadro dietro l’altro, la complessità umana e filosofica del Nolano. In scena è la vita umana, dalla nascita all’estrema vecchiaia, unificata nell’elemento che rappresenta la Vita per antonomasia: l’acqua. Ed è tra questi estremi temporali che si intrecciano le relazioni umane, che si dipana il gioco bruniano dell’essere insieme e umani. Corpo e anima sono una radice profonda in Bruno, un pensiero che unifica, che non accetta la divisione, che guarda la totalità. Corpo e anima non sono due cose, sono la persona.

Tutti gli attori in scena sono simboli di umanità, differenti nella forma e nell’azione. Ogni differenza tra le persone rappresenta la totalità della vita, o meglio, in ogni differenza tra persone è presente la totalità della vita stessa.

L’associazione culturale Nèon, attraverso i linguaggi del teatro e della scrittura, da sempre lavora per diffondere una cultura basata sul valore esistenziale dell’essere umano. L’esperienza di Néon include ogni giorno voci, gesti, corpi, movimenti, pensieri nuovi e testimonia la possibilità, per ciascun individuo, di realizzare il proprio progetto di vita al di là delle condizioni di fragilità o di disagio nelle quali si trova. L’obiettivo, infatti, non è normalizzare la diversità bensì vivere la straordinarietà di ognuno. La visione di Néon consiste nell’apertura del Teatro ad ogni tipo di diversità, sia essa fisica, psichica, culturale, etnica, sociale, sessuale, economica. La diversità della denominazione va intesa come varietà. Ogni persona – nel suo essere portatrice della propria differenza – viene messa al centro dell’esperienza artistica. L’essenza è proprio la diversità di ogni essere umano.

Néon svela la singolarità di ognuno, la sua parzialità perfetta. Non vi è la ricerca del giusto e dello sbagliato, semmai vi è la valorizzazione e l’apprezzamento della differenza qualificante e dell’esistere/singolarità di ogni persona.

More

Un Tavolo Sociale per la Disabilità – Disabil@bile

Un Tavolo Sociale per la Disabilità – Disabil@bile

Il 14 ottobre il CEFPAS ospiterà l’evento “Un Tavolo Sociale per la Disabilità”, che si svolgerà dalle ore 15.00 alle 18.30. L’evento promosso da “Disabil@bile, Meeting Forum. Inclusione sociale ed empowerment del cittadino disabile. Modelli organizzativi e nuove tecnologie” e inserito tra gli eventi paralleli alla manifestazione, vuole essere un momento di incontro, confronto, pianificazione di strategie e azioni condivise per superare la situazione di stallo che attanaglia il mondo della disabilità in Sicilia.

I problemi si conoscono, le proposte di soluzioni da parte del mondo sociale tutto ci sono state, le leggi in materia sono tra le più avanzate in Italia, tuttavia le persone con disabilità sono tra le più sofferenti di tutto il territorio italiano.

Salvatore Crispi, definito il gigante dei diritti delle persone con disabilità, che recentemente ci ha lasciati, sosteneva che «bisogna superare la dicotomia esistente in Sicilia tra le buone norme emanate e la carenza e l’inadeguatezza dei Servizi nel territorio»: questo è in effetti il problema principale della grave crisi in cui versa il mondo della disabilità in Sicilia, unitamente alla carenza di pianificazione specifica in questo ambito.

Le persone con fragilità e con disabilità e i loro familiari vivono quotidianamente con molti disagi, spesso in maniera drammatica e in condizioni poco dignitose. Non si riesce ad ottenere dalle istituzioni una programmazione organica e globale sull’area della disabilità da cui possano discendere gli adeguati interventi diversificati e specialistici, indispensabili per rispondere con efficacia ed efficienza alle peculiarità delle diverse tipologie di disabilità.

I trasferimenti dallo Stato e dalla Regione Siciliana ai Comuni e agli Enti locali sono sempre più scarsi e i finanziamenti attribuiti molto spesso non si riescono a spendere o vengono impiegati male. Con Disabil@bile, aldilà di mettere a fuoco nuovi e vecchi problemi, si vuole, prima di tutto, rimettersi insieme, attraverso l’azione di tutte le Forze sociali con la partecipazione delle associazioni della disabilità, del volontariato e del terzo settore e di tutti coloro che vogliono incontrarsi, confrontarsi per stabilire strategie e pianificare azioni, partendo dall’esperienza siciliana, per favorire l’inclusione sociale, la maggiore autonomia e il raggiungimento stesso, da parte del cittadino disabile, di uno stile di vita dignitoso e rispondente alle esigenze di ciascuno.

More

Al via Disabil@bile 2015

Al via Disabil@bile 2015

È stata presentata questa mattina, presso la Sala Conferenze dell’OMCeO di Palermo, la manifestazione “Disabil@bile 2015. Meeting Forum su inclusione sociale ed empowerment del cittadino disabile. Modelli organizzativi e nuove tecnologie”.

Disabil@bile 2015 gode del Patrocinio dell’Assessorato della Salute della Regione Siciliana e dell’INAIL, e si svolgerà nei locali del CEFPAS di Caltanissetta il 15 e il 16 ottobre 2015, con due anteprime, sempre a Caltanissetta, il 13 e il 14 ottobre.

Disabil@bile 2015 è la prima manifestazione nazionale, in cui i temi dell’inclusione del cittadino disabile, vengono affrontati nel più ampio scenario dei diritti di cittadinanza e dell’opportunità che offrono le tecnologie avanzate e digitali per favorirne l’empowerment.

La manifestazione è promossa da e-Sanit@, Rivista del Management dell’e-Healthcare (www.esanitanews.it), in collaborazione con il CEFPAS(Centro per la Formazione Permanente e l’Aggiornamento del personale del Servizio Sanitario), Cittadinanzattiva, UIC (Unione Italiana Ciechi), Assortopedia, AIFi (Associazione Italiana Fisioterapisti), AITO (Associazione Italiana Terapisti Occupazionali), Salus FestivalForum Terzo Settore e Consorzio Universitario Caltanissetta.

«Non sarà un semplice convegno – ha spiegato Massimo Caruso, direttore editoriale di e-Sanit@ –. Vogliamo creare una rete stabile, che sia un punto di partenza. L’obiettivo è quello di scrivere un documento programmatico da presentare alle istituzioni e stiamo già lavorando per rendere Disabil@bile un appuntamento fisso. È la prima manifestazione nazionale del genere che parte poi dal Sud Italia».

Fra i promotori della manifestazione Cittadinanzattiva. «Disabil@bile – ha commentato Giuseppe Greco, segretario regionale di Cittadinanzattiva – rappresenta un momento storico, concede l’opportunità di far conoscere le tematiche della disabilità ma anche di avvicinare le istituzioni ai cittadini che hanno queste necessità scommettendo sulla cultura della partecipazione».

«Questa manifestazione cade nel momento giusto – ha affermato Rosario Fiolo, Past President AIFi (Associazione Italiana Fisioterapisti) Sicilia -. In Sicilia ci sono ottime leggi sulla disabilità ma non si applicano. È il momento per fare il punto della situazione. La cosa bella è che Disabil@bile è una piattaforma aperta, uno strumento a cui tutti possono aderire. Non parleremo solo di ausili tecnologici ma di modelli organizzativi».

 «Non c’è mai stata una manifestazione del genere – ha commentato Francesco Della Gatta, Presidente Nazionale AITO (Associazione Italiana Terapisti Occupazionali) -. Non bisogna solo pensare agli applicativi IT ma bisogna capire come le professioni sanitarie possano migliorare grazie agli applicativi».

Disabil@bile si inscrive, per quest’anno, all’interno della manifestazione del Salus Festival, promosso dal CEFPAS e dall’Assessorato della Salute della Regione Siciliana, a Caltanissetta dal 15 al 25 ottobre e dedicato alla prevenzione e agli stili di vita per la “buona salute”.

More